BIENNALE DI CHIANCIANO 2013 - DALLA GRANDE MELA AL SOL LEVANTE : LA BIENNALE DI CHIANCIANO CONQUISTA IL MONDO

Federica Rossi      

Museo d'Arte di Chianciano

 

Artisti eccellenti, origini e culture diverse, opere originali e creative, sono questi gli ingredienti vincenti della Biennale di Chianciano 2013. Nel cuore della Toscana, in un atmosfera senza tempo, il museo d’Arte  di Chianciano continua a collezionare successi e riconoscimenti da tutto il mondo. Come ormai avviene da sette anni, dal 7 al 14 settembre, il museo ospitera’ un evento artistico di grande successo: la Biennale di Chianciano. Questa manifestazione permette di apprezzare l’arte contemporanea in tutte le sue forme, da quella locale a quella globale. Numerosi, sono gli artisti che vi parteciperanno, sia professionisti che talenti emergenti.

Quest’anno la Biennale sorprendera’ con  artisti eccellenti provenienti da ogni parte del mondo, dall’America all’Africa, dalla Norvegia al Giappone. Dal paese del Sol Levante, l'Associazione Giapponese ARTCROSS e’ intervenuta selezionando per la Biennale, alcuni tra i migliori artisti. L'associazione oltre a possedere una celebre rivista a distribuzione mondiale, organizza eventi, attività’ artistiche e culturali mirate a contribuire alla crescita, allo sviluppo e alla promozione nel mondo dell’arte Giapponese . Il fine ultimo di questa associazione e’ riscoprire il potere e la forza di un’ originaria cultura ricca e affascinante, la quale negli ultimi tempi  e’ stata  sottovalutata a causa della predominanza di quella occidentale. L’arte giapponese  permeata dalla filosofia zen,  ha costituito per secoli un unicum che non ha corrispondenze in occidente. 

Elemento costante e centrale dell’arte giapponese  è la rappresentazione istantanea della bellezza, espressa, il più sinteticamente possibile, con il segno, la forma o il gesto. Un’arte essenziale, coerente con l’ambiente e con la cultura del paese, che in un mondo di eccessi e stravaganze, si distingue con eleganza e discrezione. A seguito di un rigido processo di selezione il comitato museale ha scelto 6 artisti giapponesi per partecipare alla Biennale,   artisti originali e brillanti che attraverso le proprie opere esaltano al meglio la  loro cultura. Di seguito i nomi: Namio Sakamoto, Koen Miyawaki, Mieko Sato, Kikuya Chida, Yukiko Kan, Genichi Watanabe.

Namio Sakamoto, talentuoso artista, si distingue per le sue doti creative e originali. Le sue opere dallo stile tipicamente orientale hanno riscontrato un grande successo a livello nazionale e internazionale.

 

 

Koen Miyawaki, artista, revisore del Japanese Calligraphy Association, membro della AMSC  Associazione Artisti Spagnoli,  e’ vincitore di molti premi e riconoscimenti e le sue opere, sono presenti nelle esibizioni di tutto il mondo. Mieko Sato ha esposto le sue opere nel Gennaio 2013 alla London Art Biennale ottenendo un grande successo da parte della critica. Kikuya Chida artista espressionista le cui opere sono caratterizzate da un uso di colori brillanti sapientemente combinati. L' artista ha ottenuto un grande successo sia a livello nazionale che mondiale. Yukiko Kan si distingue per il suo stile originale e creativo. Le sue opere hanno riscontrato un notevole successo dalla critica.

 

Genichi Watanabe nasce nel 1951 a Kanagava, laureato in Medicina alla “Jikey”, e’ membro dell’Art club in School. Ha partecipato a numerose esposizioni, nel 2008 le sue opere erano presenti presso la  “Hikari” Gallery a Tokyo, nel 2011  presso “Tokyo Tama Praza” e nel 2012 a “Nagai” Gallery. La Biennale pero’ non parlera’ solo Giapponese, ma sara’ come sempre poliglotta, ospitando artisti provenienti anche  dagli Stati Uniti e dal Nord Europa.  Una Biennale unica, che unira’ sotto lo stesso tetto del museo di Chianciano un mix di culture, di costumi, di arte appartenenti a mondi completamente diversi.

 

Numerosi sono gli artisti europei e americani che saranno presenti alla Biennale.

Per cominciare, Josie Taglienti,  originaria dell’Arizona e’ un'  artista brillante e molto versatile,  esperta di pittura, di fotografia digitale, di arte contemporanea e non solo, vanta un curriculum invidiabile, membro della World Art Foundation Arizona Artist Guild, vincitrice di molti premi e riconoscimenti, espone le sue opere in esibizioni a livello globale. Le sue opere, hanno un fascino  asiatico, sono ricche di colori brillanti e lucenti, e le  texture e  le tecniche pittoriche  utilizzate sono creative, originali  e molto diverse tra loro.

 

Mona Youssef, artista canadese, ha vissuto a lungo in Egitto, in cui ha iniziato la sua carriera di pittrice. Diplomata negli anni 90’ a Toronto presso ilGeorge Brown College, Mona e’ oggi un’affermata pittrice, artista visiva a tempo pieno, e’ inoltre un’insegnante privata di arte. Nel 1982 le fu commissionato un dipinto che commemorasse l’atto della firma della costituzione Canadese. Le sue opere si trovano presso Ottawa Little Theatre e sono state esposte inoltre presso il Gloucester Arts Concil Offices.

 

 

Frances Mercer pittrice Statunitense, si e’ diplomata al “San Francisco Institute” ed e’ laureata all’Universita’ di Miami. Le sue opere sono state esposte in numerose istituzioni e gallerie come il museo di Chianciano , la Chelsea Old Town All,  la Gagliardi Gallery e inoltre in importanti citta' come Amsterdam Whitney e a New York. Vincitrice di molti premi e riconoscimenti, presso la Biennale di Firenze e di Assisi nel 2009 e in America nel 2003.

 

Viveca Møller. Nata e cresciuta a Helsingborg in Svezia, Viveca e’ un artista a tutto tondo. Inizia per passione con il decoupage negli anni 80’. Negli anni 90’ la sua creatività’ e la sua passione si trasformano in vera e propria arte. Comincia a creare mosaici e quadri utilizzando materiali molto diversi tra loro come stoffa, vetro, carta. Le sue creazioni si ispirano all’arte orientale antica e contemporanea nonché’ ai paesaggi provenzali e si trovano in numerose esposizioni a livello mondiale.

 

Heidi Fosli nasce nel 1961 a Sandefjord, e’ una talentuosa artista Norvegese.  Diplomata a pieni voti all’ Accademia delle Belle Arti  di San Francisco, si e’ poi laureata all'Università’ di psicologia a Oslo. Specializzata nella pittura ad olio e nei grafici,  le sue creazioni molto caratteristiche sono molto apprezzate a livello mondiale tant'è’ vero che  sono state acquistate da molti collezionisti privati e compagnie.  L’artista e’ stata inoltre nel 2008 membro della Royal Birmingham Society of artists.  Le  sue opere sono state presentate in numerose esposizioni selezionate e di prestigio, ne riportiamo alcuni esempi, nel 2006 presso “ Debut Exhibition of Paintings” a Oslo, nel 2007 presso la “Group exhibition of Painting at Gallery Frognervein 44” in Oslo, nel 2009 al Museo d’Arte di Chianciano in occasione della Biennale in Toscana e nel Old Jaffa Museum of Archeology in Israele.

Aihara Misa e’ un’artista Giapponese operante a Hunabasi-si ma  molto attiva anche in Italia. La sua arte e’ emozionale, caratterizzata dall’uso di colori chiari, piccoli dettagli luminosi, forme geometriche e luminose che ricordano interi quartieri visti dall’alto. L’artista e’ fortemente influenzata da New York, e le sue creazioni rappresentano agglomerati urbani immaginari con un vortice di colori, rumori e suoni.

 

La tedesca, Ulla Wobst , ha uno stile personale che e’ un mix tra pittura figurativa e una combinazione di elementi astratti e figurativi. La sua arte e’ ispirata alla letteratura, alla filosofia e alla psicoanalisi, in effetti le sue creazioni spesso appaiono misteriose e talvolta inquietanti. Artista molto competente, originale e creativa si può’ definire un mix tra realista e neo-realista. Le sue opere sono presenti in numerosi musei e esposizioni in tutto il mondo.

 

 

 

Prokop Eugen Igor, artista originario dell’Ungheria nasce nel 1953 a Budapest. Eccellente formazione artistica, studia presso la Attila University of Arts tra il 1981 e il 1983, e  design presso la “University of Applied Arts” . Un artista a tutto tondo il quale prima di cominciare la sua attuale carriera come e disegnatore si occupava della lavorazione del vetro. Grande viaggiatore, le sue opere riflettono e rappresentano le forme naturali viste durante i suoi numerosi viaggi.

Le sue creazioni sono presenti in esibizioni in tutto il mondo da Budapest a Barcellona da New York a Berlino.

Il Museo di Chianciano rimuovera' i lavori di Durer, Rembrandt, Piranesi per lasciare spazio alle opere d'arte contemporanea. Chianciano e' pronta per una nuova e eccezionale manifestazione nel segno della cultura, dell'arte e della creativita'.

 

Federica Rossi