PATRIZIA MANCUSO TRAVOLGERA' LA BIENNALE DI CHIANCIANO CON LE SUE OPERE RICCHE DI EMOZIONI

 

Patrizia Mancuso, artista svizzera e' stata selezionata per partecipare alla Biennale di Chianciano 2013 nella bellissima cornice Toscana nel museo d'Arte di Chianciano Terme dal 7 al 14 di settembre.

 

Patrizia nasce nel 76, vive e lavora nei pressi di Lugano.

 

L'artista dal passato tumultuoso e a tratti oscuro, vede l'arte come una cura alle sue paure e alle sue angoscie, quando dipinge si lascia andare completamente al flusso delle sue emozioni liberandosi dai pensieri negativi. In una recente intervista, Patrizia ammette che le tele sono il suo psicanalista che l'aiutano a liberarsi da fantasmi interiori. 

 

L'arte per la Mancuso oltre che ad essere una vera e propria terapia e' anche una delle sue piu' grandi passioni, in effetti passerebbe giornate intere davanti ad una tela senza rendersi conto del passare del tempo. La sua e' una formazione autodidatta motivata da una passione estremamente forte. Sempre attenta e motivata l'artista cerca sempre di migliorarsi e di sperimentare nuove tecniche pittoriche.

Le sue opere 

caratterizzate da uno stile inconfondibile ritraggono spesso donne molto belle e curate, cibo succolento, fiori colorati ma anche  dettagli  oscuri e inquietanti. I suoi lavori pero' non possono essere definiti semplici ritratti o nature morte, in effetti essi sembrano vivi, sembrano volerci urlare qualcosa, lo spettatore e' infatti travolto da emozioni, angoscia e inquietudine.

Dato il suo talento i successi non hanno tardato, infatti e' un'artista molto apprezzata e riconosciuta a livello mondiale.